Il mio nome è Gian Luca PARTENGO e la mia firma, come autore, ha un significato poetico e personalmente amorevole.
Il mio claim, peraltro noto, "la Poesia rende l'Uomo più forte" è stato ed è tuttora segno distintivo di ciò che le apparenze non sono. Questo è il mio website ufficiale, un sentito ringraziamento a chi vorrà condividere con me, passate, presenti e future passioni.

Jeanluc Pabrè

Carmina Vitae

1000 copie disponibili!!
... è la mia prima raccolta composta da venti poesie in prosa, sette rime in fiorentino antico e 5 haiku giapponesi. Per il lancio della nuova pagina facebook, desidero omaggiare tutti coloro che lo vorranno con questa copia omaggio scaricabile in formato e-book pdf. Sperando di fare cosa gradita, vi auguro buona lettura.

Carmina Vitae

Richiedi subito la copia omaggio del mio e-book

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesta)

Messaggio

Newsletter

Dimostra di essere umano
24 * 2 + 6 -12=? 

*Ogni richiesta e ogni iscrizione alla newsletter sono esenti da qualsiasi forma di spam.

Aforismi

  • chain

    Catene

    Quando scoprirò il modo per liberarmi dalle catene, capirò, immediatamente, quanto era semplice farlo e quanto tempo della mia vita avrò sprecato vivendo nella speranza e nella ricerca di una via di uscita.

    Jeanluc Pabrè | Tweettalo

  • quote-wallpaper115

    Piccolo Grande Uomo

    L’Uno é diventato grande restando piccolo; l’Altro è rimasto piccolo cercando la grandezza.

    Jeanluc Pabrè | Tweettalo

  • freedom

    Libertà

    La libertà individuale, intellettuale e culturale di un individuo non è, ne deve mai essere messa in discussione, neanche quando l’austerità forzata limita il movimento, la progressione e la crescita di una famiglia.

    Jeanluc Pabrè | Tweettalo

  • invidia

    Invidia

    L’invidia genera rivoluzioni; le rivoluzioni generano potere; il potere genera invidia!

    Jeanluc Pabrè | Tweettalo

  • children

    Innocenza

    D’innocenza sorridono i tuoi occhi, specchio dei miei colmi di vita. La malattia strugge e tu, così candido, m’insegni. Grazie, Figlio mio.

    Jeanluc Pabrè | Tweettalo

1 / 1